Speranza e i suoi sapevano della censura del report che imbarazzava il governo