Renato Casaro, l’ultimo cartellonista del cinema: a Treviso la mostra con i mitici manifesti dell’artista

Il cinema italiano degli anni ’50 e ’60 è entrato nella leggenda anche grazie alla grande scuola dei cartellonisti. Come Renato Casaro, nato a Treviso nel 1935, forse l’ultimo rappresentante di quell’arte capace di trasporre, disegnandola, l’anima di un film in un manifesto.

A omaggiarlo nella sua città di origine si apre dal 28 marzo al 30 settembre la grande mostra Renato Casaro. L’ultimo cartellonista del cinema che ripercorre la sua carriera da Treviso a Roma, fino a Hollywood attraverso i suoi meravigliosi manifesti per i film di grandi registi come Jean-Jacques Annaud, Dario Argento, Marco Bellocchio, Ingmar Bergman, Bernardo Bertolucci, Luc Besson, Liliana Cavani, Francis Ford Coppola, Milos Forman, Costa-Gavras, Pietro Germi, Claude Lelouch,  Sergio Leone, Mario Monicelli, Francesco Rosi, Giuseppe Tornatore, François Truffaut, Carlo Verdone e molti altri.

La mostra documenta 170 film e lo fa partendo dal “prodotto finito”, ovvero dai manifesti a due e quattro fogli, destinati alle sale cinematografiche o all’affissione, tra i quali quelli di Trinità, Rambo, I magnifici sette, C’era una volta in America, Amadeus, Il nome della rosa, Il tè nel deserto, L’ultimo imperatore.

Sono oltre un centinaio i pezzi selezionati e restaurati per l’occasione: i rari e introvabili fogli del decennio 1955-1965, mai apparsi in una mostra, presentano un artista in rapida formazione che, grazie al fertile ambiente romano – dove Cinecittà è in quegli anni una delle industrie più prolifiche – riesce a dare il meglio di sé in ogni genere.

L’esposizione accosta ai grandi e multicolori affissi, una selezionata serie di bozzetti studio e gli “originali” – l’opera finita che serviva per stampare il manifesto – provenienti dall’archivio dell’artista e da importanti collezioni pubbliche e private.

La mostra, curata da Roberto Festi e Eugenio Manzato, con la collaborazione di Maurizio Baroni, si snoda in tre location di Treviso: il nuovo Museo Nazionale Collezione Salce, che per l’occasione apre nella ritrovata Chiesa di Santa Margherita, il Complesso di San Gaetano, l’altra sede del Museo, e i Musei Civici di Santa Caterina. Renato Casaro. L’ultimo cartellonista del cinema è organizzata dal Mibact tramite la Direzione Regionale Musei Veneto, il Comune di Treviso e la Regione del Veneto.

L’articolo Renato Casaro, l’ultimo cartellonista del cinema: a Treviso la mostra con i mitici manifesti dell’artista proviene da Best Movie.

Read More
Best Movie