Monday, May 23, 2022
Home(We) Are The NewsIL PERCORSO DI TRUMP PER RITORNARE ALLA CASA BIANCA NON È IL...

IL PERCORSO DI TRUMP PER RITORNARE ALLA CASA BIANCA NON È IL 2024

Donald Trump assicura sempre ai suoi sostenitori e ai media che si candiderà di nuovo alla presidenza nel 2024 per “affrontare le elezioni truccate e rubate del 2020”.

Molti stanno lanciando le sue massicce manifestazioni recentemente organizzate mentre Trump fa una campagna per fare proprio questo.

Non sono d’accordo.

Trump e il suo popolo stanno perseguendo un percorso di ritorno all’ATTUALE Presidenza che giustamente considerano sua attraverso una decertificazione di STATI CHIAVE che priverebbe Puddin’ Head Joe della sua Presidenza ASTERISK e la restituirebbe al legittimo vincitore delle elezioni presidenziali del 2020.

Steve Bannon afferma che Georgia, Wisconsin, Arizona e Pennsylvania si stanno preparando a decertificare le loro elezioni STATALI del 2020 per il presidente degli Stati Uniti, che rimuoverebbero i punti del loro collegio elettorale statale dal conteggio originariamente certificato il 6 gennaio 2021 che ha messo Biden sopra il necessario 270 necessario per vincere la Presidenza.

La ripartizione dell’ECP Biden perderebbe, Stato per Stato =

Arizona = 11 punti.

Georgia = 16 punti

Pennsylvania = 20 punti

Wisconsin = 10 punti

L’attuale conteggio di Biden è 306 ECP.

La perdita di PA e GA lo farebbe scendere fino al limite di 270 necessari per rimanere in carica.

Se un 3° Stato è riuscito a decertificare = DISASTRO per i Democratici.

Joseph Robinette Biden Jr. non sarebbe più presidente e la sua perdita della presidenza sarebbe LEGALE E COSTITUZIONALE.

Tuttavia, la perdita legalmente dichiarata di tre elezioni statali per decertificazione NON ripristinerebbe la Presidenza a Donald Trump, lo ripeto.

Poiché quelle elezioni decertificate sono Azioni statali INDIVIDUALI il che significa che la vittoria di Biden nel 2020 viene dichiarata una perdita a causa di FRODI MASSIVE in quegli stati specifici, **nient’altro**

Qualsiasi Stato che decertifica le proprie elezioni presidenziali del 2020 dovrebbe quindi indagare sulla frode e determinare chi ha effettivamente vinto.

Sembra ovvio, ovviamente, ma queste azioni devono essere ufficiali e legali.

Non possono semplicemente DICHIARARE il presidente di Trump, devono DIMOSTRARE che Trump ha vinto, il che richiede un altro passaggio legale per soddisfare tutti i requisiti.

Una volta fatto, possono dichiarare Trump il vero vincitore del 2020 con tutte le prove importanti a sostegno di ciò.

Ma, e resta con me qui, se tutti e tre o anche più Stati seguissero

questi passaggi = decertificare Biden tramite PROVE di frode elettorale, dichiarando Trump il vincitore tramite PROVE che ha legittimamente vinto tutto ciò significherebbe che è il vincitore di diverse elezioni statali disparate.

Non lo renderebbe presidente.

Biden è stato certificato da una sessione congiunta del Congresso e ciò lo ha reso il primo presidente ASTERISK d’America.

Un processo di decertificazione che lo rimuove da quell’ufficio non rende nessun altro presidente di Ipso Facto.

Tutto ciò significherebbe che BIDEN non è più presidente.

Conseguenza: una GRANDE GRANDE CRISI COSTITUZIONALE SUCCESSIVA!

Un evento senza precedenti nella storia americana.

STACCA LA CORTE SUPREMA!!

La fiducia delle persone in SCOTUS potrebbe essere scossa negli ultimi anni poiché le decisioni SCOTUS non si adattano ai tuoi desideri.

La gente pensa perché un presidente del GOP o DNC ha nominato un giudice alla Corte che quel giudice dovrebbe essere il sostenitore ideologico del loro nominatore.

Ebbene, con gli Incaricati democratici hai ragione, soprattutto con gli ultimi quattro appuntamenti.

Ma gli ultimi tre incaricati repubblicani? Non così tanto.

Furono nominati COSTITUZIONALISTI.

Useranno il loro acume e la loro volontà individuali per seguire la LORO PERCEZIONE della Legge e della Costituzione degli Stati Uniti.

Ecco perché sono stati nominati da Trump.

Come qualcuno che ha seguito le decisioni SCOTUS per decenni così come i casi federali, lasciatemi dire a coloro che pensano che i giudici dovrebbero muoversi di pari passo con la politica o i desideri di coloro che li hanno nominati, vi sbagliate completamente.

Siamo così abituati alle nomine politiche che si verificano a livello federale e SCOTUS quando Trump nomina un nuovo giudice che gemiamo quando non rispettano la linea GOP o MAGA.

NON È PERCHE’ CI SONO.

Trump lo sapeva quando ha nominato Gorsuch, Kavanaugh & Barrett.

Sono fedeli e manterranno i loro giuramenti alla Costituzione degli Stati Uniti per dispensare le questioni legali dinanzi a loro a beneficio del popolo americano come meglio crederanno.

E Trump SA che è abbastanza buono per loro per gestire la prossima crisi costituzionale dirigendosi verso di loro.

Il risultato è una CONCLUSIONE ESPRESSA.

Dopo aver ascoltato Sotomayor durante le recenti discussioni sul mandato COVID/OSHA, mi è chiaro qualunque forma venga presentata la crisi in quanto non sarà una decisione 9-0.

Ma ci sarà una decisione a maggioranza e QUESTA renderà Donald John Trump il tuo presidente Once & Future molto prima del 2024.

Ora potrei sbagliarmi completamente…

(Ma non lo sono!)

(Voce di Trump) “ASPETTA! STO ARRIVANDO!!”

ARTICOLO RIPORTATO DA BRENT CATES

RELATED ARTICLES

Most Popular

Recent Comments